Ritorno in Birmania, Speciale Tg1 del 7/6/2015, di Claudio Pagliara

Ritorno in Birmania: VIDEO

Tre anni dopo le prime elezioni democratiche tenute dopo 50 anni di dittatura militare, viaggio in Myanmar, l’ex Birmania, tra i templi che incantano i turisti e le stridenti contraddizioni di un cambiamento appena avviato: il boom degli investimenti stranieri che cambiano il volto di Yangon, la vecchia capitale; la rapida penetrazione di internet tra i giovani; a fianco dell’estrema povertà della gran parte della popolazione e delle lotte dei contadini contro l’esproprio delle terre da parte dei militari. La forte spiritualità delle pagode dedicate a Budda, e le persecuzioni etniche e religiose delle minoranze. La megalomania della nuova capitale, Naiypydaw, una delle più stravaganti del mondo, quasi disabitata, e lo scenario mozzafiato delle mille pagode di Bagan, uno dei luoghi archeologici più suggestivi del pianeta. A Speciale Tg1, un reportage, alla scoperta della nuova frontiera, l’ultima dell’Asia, mentre – a pochi mesi dalle elezioni che vedono favorita la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi – si riaffacciano i fantasmi del passato con la nuova ondata repressiva che colpisce studenti e giornalisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *